Accesso Iscriviti

Accesso

Accedi con uno dei tuoi account social...

...o con il tuo account EurActiv

EurActiv.it

Merkel e Monti al vertice Ue - foto di governoLa mattina dopo il Vertice europeo informale, che ha approvato a 25 il Patto di Bilancio,  l'accoppiata Merkel-Monti la fa ancora da padrone sui gionali europei, che, invece, ignorano la formula MerKonti coniata dai giornali italiani (la triade Merkel-Sarkozy-Monti) per rimpiazzare l'ormai obsoleta Merkosy (l'accoppiata un po' appassita Merkel-Sarkozy). L'Italia, scrive Die Welt, s'aspetta che venga meno l'opposizione tedesca all'aumento del fondo 'salva Stati', mentre il Financial Times titola: "Il dilemma della leadership tedesca". A parlare di Monti sono pure Handelsblatt e Le Monde, mentre El Pais titola il pezzo di sintesi: "L'Ue consacra il principio dell'austerità". Anche la stampa americana mostra attenzione per il Patto di Bilancio.

Dopo il vertice con i leader europei, “il primo ministro italiano Mario Monti – si legge su Die Welt - si è mostrato fiducioso sul fatto che la Germania acconsentirà all'innalzamento del nuovo strumento europeo  per la stabilità, l'Esm”. Ma Angela Merkel, scrive ancora il giornalista tedesco, a margine dell'incontro di Bruxelles,  ha affermato in merito al possibile aumento del fondo: “Non  siamo stati per nulla confortati dalle richieste di oggi”.

Il giornale tedesco, così come il francese Le Monde, riporta alcune dichiarazioni del premier italiano al summit di ieri. Nonostante Monti insista sulla necessità dell'aumento dell'Esm, scrive Die Welt, secondo il Professore “l'Italia non ha bisogno dei soldi del fondo”.

E' invece la Germania ad aprire l'articolo del FT. Solo pochi mesi fa', “al culmine della crisi europea del debito, la Polonia aveva chiesto alla Germania una maggiore leadership in Europa […] Al Vertice di Bruxelles di ieri, la cancelliera Angela Merkel ha raggiunto il suo supremo trionfo: un nuovo Patto di Bilancio approvato da 25 stati membri per rafforzare la disciplina finanziaria in stile tedesco in tutta l'eurozona”. Ma la leadership tedesca ha un prezzo, aggiunge il giornalista. Il rischio, scrive, è che, volenti o nolenti, si alimenti la percezione di un predominio tedesco.

Più analitico il lungo articolo del Pais intitolato "L'Ue consacra il principio dell'austerità", in cui il giornalista fa un quadro generale sugli aspetti tecnici del Patto e sulle sue prospettive future.

E dell'accordo raggiunto ieri scrivono anche i giornali americani. Il Wall Street Journal titola "I leader europei rinsaldano i legami di bilancio" e "Patto di bilancio: nè panacea nè veleno", mentre secondo il Washington Post "il trattato europeo potrebbe non essere sufficiente a contenere la crisi".

Focus tutto italiano è poi quello dell'Handelsblatt, che dedica un breve articolo alla decisione di Monti di ridurre gli stipendi a deputati e manager della PA.  “Il nuovo presidente del consiglio italiano Mario Monti fa sul serio: alza le tasse, stana i ricchi dai loro nascondigli e vuole che anche i politici facciano economia. Lui stesso vuole dare il buon esempio”.