Accesso Iscriviti

Accesso

Accedi con uno dei tuoi account social...

...o con il tuo account EurActiv

EurActiv.it

H-Farm Venezia - foto di H-FarmUn tempo uno dei paesi più produttivi dell'Unione, oggi l'Italia si piazza agli ultimi posti della classifica europea. Partendo dall'esempio di eccellenza di H-Farm, un innovativo incubatore e acceleratore di imprese con sede in Veneto, il Financial Times dedica un lungo articolo alla situazione imprenditoriale ed economica italiana. Annualmente, nel paese si spende appena un dollaro a testa nel venture capital.

A venti minuti dall'aeroporto di Venezia, in un rustico ristrutturato, si trova la sede di H-Farm, “il tentativo di creare una tecnologia e un centro di venture capital in un paese dove non vi è né l'una né l'altro”. Nata nel 2005 da un'idea di Riccardo Donadon, H-Farm è un’impresa che, sulla base di un modello innovativo, crea e aiuta altre imprese a formarsi e crescere.

“I fondatori del progetto hanno intrapreso una sfida difficile”. L'Italia, spiega infatti il giornalista, “possiede tra i peggiori strumenti di venture capital dell'Europa”. A sostegno della tesi, il Ft riporta un recente studio svolto dalla compagnia svizzera Verve Capital Partners, secondo cui gli italiani spenderebbero appena un dollaro a testa in investimenti nel venture capital. Una cifra irrisoria, se comparata alla situazione “degli svizzeri, che spendono 69 dollari, e degli inglesi, che ne spendono 39”.

In un panorama così scoraggiante, tuttavia, il Veneto appare come “una delle regioni più ricche e produttive dell'Europa. E' la casa di alcune delle compagnie italiane di maggior successo”. Tra le altre, Benetton, Diesel, Geox, Sisley e Luxottica.

Attualmente, continua il giornalista, l'Italia risulta uno dei paesi meno produttivi dell'Unione: i dati demografici sono spaventosi e il governo sta faticando per soddisfare le richieste dell'Unione.

“Il primo ministro Mario Monti ha promesso di riformare il mercato del lavoro per stimolare la crescita ma, mentre il paese attende, il salvataggio dell'Italia sta ricadendo sui suoi imprenditori. La leadership di Sergio Marchionne, per esempio, ha aiutato a trasformare la Fiat, mentre uomini come Brunello Cucinelli, il re del cashmere, sono diventati eroi per il fatto di pagare bene i propri dipendenti e destinare ingenti somme di denaro in beneficenza. Diego Della Valle, amministratore esecutivo di Tod's, ha offerto 25 milioni di euro per restaurare il Colosseo, dato che la città non può permetterselo.”

Il governo italiano - conclude il giornalista - ha inoltre promesso di aumentare gli incentivi per gli investimenti nel settore del venture capital e delle start up, ma solo nella prossima fase della riforma. Il che, però, non sembra preoccupare il team di H-Farm, che sente di "avere molto più in comune con le aree più produttive della Germania che con il resto dell'Italia”.